Possibili agevolazioni per l'accesso al consolidato fiscale

Stampa la news

Il disegno di Decreto Legislativo in materia di semplificazioni fiscali prevede l’abolizione del modello specifico per l’accesso al regime del consolidato fiscale e la contestuale introduzione della relativa opzione all’interno del modello della dichiarazione dei redditi. Quale conseguenza pratica della modifica normativa in corso si segnala sia lo slittamento del termine per l’esercizio dell’opzione per il consolidato fiscale dal 16 giugno al 30 settembre, sia l’inserimento dell’opzione nel sistema disciplinare della dichiarazione dei redditi.

 

***

 

Il consolidato Fiscale nazionale, la cui disciplina è contenuta negli art. 117-129 del TUIR (DPR 917/86) è il regime tributario di carattere opzionale che consente ai gruppi di società (società di capitali ed enti commerciali residenti nel territorio dello Stato fra i quali esiste un rapporto di controllo) l’accesso a forme di tassazione unitaria: le società che accedono al regime vengono tassate in base alla somma algebrica dei redditi e delle perdite prodotte dalle singole società consolidate, anche se i fatti economici costitutivi del presupposto d’imposta restano comunque riferibili alle società partecipanti che li hanno posti in essere. L’opzione per la tassazione consolidata deve essere esercitata espressamente in forma congiunta dalla controllante e dalle controllate (che intendono aderirvi), è irrevocabile e ha efficacia triennale.

La disposizione attualmente vigente (art. 119 del TUIR) regola in modo articolato il termine entro il quale presentare l’opzione: entro il sedicesimo giorno del sesto mese successivo alla chiusura del periodo d’imposta precedente al primo esercizio cui si riferisce l’esercizio dell’opzione stessa. Pure le modalità da seguire per l’esercizio dell’opzione importano adempimenti di tipo specifico in quanto è previsto un modello apposito di comunicazione oggetto di definizione con decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 9 giugno 2004. 

L'art. 17, comma 2 dello schema di D.Lgs. in commento, invece, se approvato in via definitiva, consentirà l’esercizio dell’opzione per il regime del consolidato nazionale con la dichiarazione dei redditi presentata nel periodo d’imposta a decorrere dal quale si intende esercitare l’opzione stessa. 

Da ultimo occorre evidenziare che l’inserimento dell’opzione del consolidato all’interno della dichiarazione dei redditi potrebbe di fatto comportare un’agevolazione maggiore del semplice slittamento di alcune settimane del termine per l’accesso al regime fiscale in commento; si pensi, infatti, ai termini temporali previsti dalla normativa per l’adesione all’istituto del ravvedimento operoso applicabile con riferimento alle dichiarazioni dei redditi in confronto ai termini assai più restrittivi per la sanatoria prevista nella remissione in bonis (almeno secondo l’interpretazione dell’Amministrazione Finanziaria).

 

  • Nessun Allegato Disponibile