Addio definitivo alla ritenuta del 20% sui bonifici esteri

Stampa la news

Il Decreto Legge IRPEF approvato dal Consiglio dei Ministri il 18 aprile scorso, in corso di pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, ha definitivamente eliminato l’obbligo di ritenuta del 20% sui bonifici esteri di cui all'articolo 4, comma 2, del decreto legge 28 giugno 1990 n. 167 convertito con modificazioni nella Legge 4 agosto 1990 n. 227. Con tale intervento normativo si è posto fine al contrastato e controverso iter legislativo della disposizione normativa che aveva di recente introdotto una ritenuta del 20% sui flussi finanziari provenienti dall’estero.

 

* * *

 

Come noto, la Legge Europea 2013 (L. 97/2013) aveva riscritto l’art. 4, comma 2, del D.L. 167/1990, prevedendo che, dall’anno 2014, gli investimenti detenuti all’estero e le attività estere di natura finanziaria delle persone fisiche e assimilati dovessero essere soggetti a ritenuta d’acconto o ad imposta sostitutiva delle imposte sui redditi

La decorrenza della norma era inizialmente fissata al 1° gennaio 2014. Successivamente, tenuto conto delle difficoltà sollevate dagli operatori, con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 19.02.2014 protocollo 2014/24663, la decorrenza degli adempimenti veniva rinviata al 1° luglio 2014.

La nota del Ministero Economia, n. 46 del 19.02.2014, chiariva le ragioni di tale rinvio e preannunciava una futura e definitiva abrogazione della ritenuta. La nota in commento, oltre a sottolineare l’inutilità della nuova ritenuta in ingresso in quanto finalizzata a ottenere informazioni già disponibili attraverso il canale delle scambio di informazioni, garantiva la restituzione degli acconti eventualmente già trattenuti da intermediari finanziari, relativi alle ritenute operate nel periodo 1° febbraio 2014 – 19 febbraio 2014., per i flussi ricevuti nel mese di gennaio 2014.

 

Ora il Decreto IRPEF citato, risolve in maniera definitiva la questione, abrogando la norma in esame.

  • Nessun Allegato Disponibile