Rinviata al 1° luglio 2014 la ritenuta sui bonifici dall’estero.

Stampa la news

Con il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 19 febbraio 2014 n. 2014/24.663 è stato disposto il rinvio al 1° di luglio 2014 della decorrenza degli effetti delle disposizioni inerenti i redditi di capitale e diversi originati da investimenti esteri o attività estere di natura finanziaria. Per tali redditi la legge 6 agosto 2013 n. 231, infatti,  introduceva nuovi obblighi di sostituzione tributaria in carico agli intermediari che intervengono nella riscossione (ritenuta del 20%) decorrenti dal 1° gennaio 2014.  Di contro, resta confermata la decorrenza dalle dichiarazione dei redditi relative al periodo di imposta 2013 per le nuove modalità di compilazione del quadro RW inerente il monitoraggio fiscale degli investimenti e attività finanziarie detenute all’estero.

 

 

***

 

Come precisato dalla nota del Direttore dell’Agenzia il rinvio  degli obblighi di sostituzione tributaria è stato disposto tenuto conto

i)              delle difficoltà applicative riscontrate dagli stessi intermediari e dai contribuenti

ii)             delle necessarie implementazioni procedurali.

 

E’ altresì precisato che il rinvio non comporta perdita di gettito per l’Erario, in coerenza con quanto previsto nella relazione tecnica della Legge Europea,  posto che o redditi per i quali si applicherà il nuovo regime di sostituzione tributaria restano soggetti agli obblighi dichiarativi ai fini dell’autoliquidazione delle imposta a cura del contribuente.